Oasi Lipu rive lago Massaciuccoli

 L’Oasi Lipu sulle rive del lago di Massaciuccoli

È stato utile questo articolo? Assegnagli un punteggio! 😉
Sending
User Review
0 (0 votes)

Per gli appassionati di natura e birdwatching, ma anche per chi vuole godere di una passeggiata in un luogo che riconcilia con il mondo, l’oasi Lipu situata nella cittadina di Massaciuccoli è il posto ideale.

Ci troviamo in Toscana, ed in particolare nella provincia di Lucca sulle rive del Lago di Massaciuccoli. Si tratta di un bacino d’acqua con ampie zone palustri che si estende da Torre del Lago Puccini fino a Vecchiano in provincia di Pisa, per toccare con l’altra riva la città di Massaciuccoli. Proprio qua, a partire dal piccolo porticciolo, si accede a questa splendida oasi.

 

La Riserva Naturale del Chiarone

Ci troviamo, per la precisione, nella Riserva del Chiarone istituita nel 1979 al momento della creazione del Parco naturale di Migliarino, San Rossore e Massaciuccoli. La nascita dell’Oasi Lipu risale al 1985 quando questa porzione palustre del Lago venne affidata alla gestione della Lega Italiana Protezione Uccelli (LIPU). Da quel momento sono state davvero tante le attività che ha portato avanti la Lipu ed oggi l’oasi accoglie oltre 30.000 visitatori all’anno, da turisti a scuole con progetti di educazione ambientale. L’oasi è, inoltre, un importante centro di ricerca scientifica sui processi di nidificazione e migrazione degli uccelli.

 

La Fauna

Nell’oasi si possono trovare davvero molte specie diverse, ed anche rare, di volatili. Questo è dovuto al fatto che il territorio è meta di passaggio e di sosta per gli uccelli migratori tra cui falco pescatore, marzaiole e mignattini. Tra i cannetti è possibile osservare l’Airone rosso (davvero splendido!), il falco di palude, il tarabuso ed il tarabusino.

airone rosso oasi lipu massaciuccoli

Airone Rosso Oasi Lipu Massaciuccoli

falco di palude oasi lipu massaciuccoli

Falco di palude Oasi Lipu Massaciuccoli

tarabuso oasi lipu massaciuccoli

Tarabuso Oasi Lipu Massaciuccoli

tarabusino oasi lipu massaciuccoli

Tarabusino Oasi Lipu Massaciuccoli

Il museo e la Foresteria

Presso l’oasi è possibile visitare un museo naturalistico che spesso è meta di gite didattiche delle scuole. Qua si trovano riproduzioni di molte specie animali (assolutamente no animali impagliati) e la riproduzione quanto più fedele possibile dell’ambiente naturale. Non ci sono vetrine e, per questo motivo, al visitatore sembrerà di camminare all’interno della natura. Le sale di cui dispone il modello sono 3: il mondo emerso (tutto quanto si può osservare tra i canneti), il mondo sommerso (tutto quello che si nasconde sotto l’acqua) ed una sala didattica perfetta per le scuole. Al museo si unisce una Foresteria situata al primo piano dell’antico casale, proprio di fronte al porticciolo di Massaciuccoli.

 

Possono soggiornare presso la Foresteria i soci della Lipu al prezzo di Euro 14 a notte.

 

La sistemazione comprende una cucina perfettamente attrezzata, una sala con una ricca libreria e 4 camere con letti a castello per un totale di 12 posti letto.

 

Come visitare l’oasi Lipu

Esistono 3 modi per vivere al meglio l’esperienza presso l’oasi Lipu.

  1. A piedi, lungo le palafitte realizzate dall’associazione. Si estendono per quasi 700 metri e sono perfette per chi vuol vivere un’esperienza a contatto con la natura. Lungo il percorso si trovano anche piccoli “rifugi” per osservare i volatili nel loro ambiente naturale. L’ingresso ai singoli turisti è gratuito ma si organizzano periodicamente visite guidate;
  2. Con il barchino, la soluzione migliore per chi ama fare birdwatching e fotografie della natura. Disponendo su prenotazione è possibile scegliere il tour da 1 ora o quello da 2 ore e mezzo. Ogni barchino può ospitare fino a 4 persone;
  3. In Navicello, un’antica imbarcazione in legno perfettamente ristrutturata che veniva utilizzata un tempo per il trasporto delle merci. È il modo migliore per vivere un’esperienza ascoltando i suoni della natura.
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *