Il prosecco di Valdobbiadene cerca l’approvazione dell’Unesco

La strada del prosecco cerca di superare nuovi confini

Un altro pezzo di Treviso è stato candidato alla lista dei Patrimoni Mondiali dell’Unesco.

Il Ministro Maurizio Martina che cura le politiche agricole alimentari e forestali, ha firmato il dossier di candidatura del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene.

prosecco di valdobbiadene vallata

prosecco di valdobbiadene vallata

Il via libera dalla Commissione Nazionale Italiana per l’Unesco è già avvenuto, ora dobbiamo aspettare il verdetto di Parigi che pare avverrà non oltre il 2018.

 

I lavori per la candidatura hanno avuto origine tempo fa, infatti già nell’ottobre 2010, l’Unesco aveva giudicato le Colline di Conegliano e Valdobbiadene meritevoli di entrare nelle liste dei Siti Patrimonio dell’Umanità.

Nonostante tutto l’iscrizione al Registro nazionale delle Colline è stata ratificata solamente nel marzo 2015.

Speriamo che i tempi di attesa per il prosecco di Valdobbiadene possano esser meno lenti.

Intanto aspettiamo con pazienza i primi giorni di dicembre 2017, quando l’Unesco dovrà decidere nella riunione di Seul delle sorti della pizza.

Altri vanti italiani inseriti già nella Lista dei Patrimoni Mondiali dell’Unesco:

  • Dieta Mediterranea
  • Colline Langhe
  • Roero e Monferrato
  • Viticoltura di Pantelleria
  • Le dolomiti
  • L’orto botanico di Padova
  • Ville Palladiane
  • Verona
  • Vicenza
  • Venezia

…e molti altri siti sparsi in tutta Italia. Un consiglio? Consultate il sito dell’Unesco.

No Replies to "Il prosecco di Valdobbiadene cerca l'approvazione dell'Unesco"